CARTELLE TARI e i ritardi. Le Opposizioni : ” I responsabili del servizio devono dare giustificazione ai cittadini”

Sono arrivate nelle cassette della posta di tutti i tifernati le cartelle della Tari . Il ritardo di consegna delle stesse ha generato malcontento nei cittadini e qualche bella polemica, la prima per la nuova sindacatura, da parte dell’opposizione. “L’arrivo delle cartelle TARI a Città di Castello- scrive Emanuela Arcaleni di Castello Cambia- sta generando il primo grave problema per la “nuova” amministrazione, in realtà perfetta continuazione di quella precedente, dove l’unica cosa che è cambiata sono le poltrone ricoperte dagli attori principali. Gli avvisi di riscossione di ogni rata riportano praticamente le stesse scadenze degli anni scorsi quando però le cartelle arrivavano entro agosto/settembre: ormai quelle scadenze sono ampiamente superate dal calendario, addirittura da oltre un mese e mezzo.

Non si comprende il motivo per cui le scadenze siano sempre le stesse, mentre l’invio è slittato così tanto. Quali problemi tecnici, addotti dalla società partecipata, possono durare tre mesi e giustificare un simile ritardo? Intendiamo avere risposte sia dagli amministratori rieletti in Comune, che hanno il dovere di controllo della partecipata, sia dai diretti responsabili della conduzione del servizio, chiedendo che i vertici Sogepu vengano convocati in Commissione consiliare Controllo e Garanzia.

 Si stanno infatti configurando vari disagi dovuti a questo disservizio: i contribuenti si trovano a dover sostenere in pochi giorni l’intero importo, poiché i venti giorni di proroga “gentilmente concessi” dal gestore scadono in pratica negli stessi giorni del termine della terza rata. Sempre che si possa risalire esattamente alla data di ricezione dell’avviso: a rigor di legge, infatti, sarebbe servita una raccomandata e in eventuali contenziosi, peraltro prevedibili, il Comune potrebbe essere soccombente, con grave danno ai conti pubblici. Sindaco e assessore si prendano la responsabilità di indicare al gestore nuove scadenze prorogate, e, se danno ci sarà, che siano i responsabili a pagare.

Ci auguriamo- termina l’Arcaleni- che le spiegazioni ci siano e siano convincenti, altrimenti dovremmo dare ragione a chi sta imputando una gestione così inefficiente alla “necessità” di dover superare gli appuntamenti elettorali, prima di far bere l’amaro calice agli elettori.

LUCIANA BASSINI: Il sindaco deve relazionare su questo disagio per i cittadini

“Da alcuni giorni vengono recapitate agli utenti del Comune di Città di Castello avvisi di pagamento TARI anno 2021, con scadenza della prima rata il 30 settembre 2021, la seconda rata il 30 ottobre 2021, la terza rata il 01 dicembre 2021 oppure una rata unica per l’intero importo entro il 30 ottobre 2021. Le lettere contengono anche un avviso in cui l’azienda SOGEPU, incaricata della riscossione, imputa il ritardo a non meglio precisati motivi tecnici ed informa che le prime due rate, nonché la rata unica, devono essere pagate entro 20 giorni dal ricevimento dell’avviso mentre rimane invaiata al 01 dicembre 2021 la scadenza della terza rata. Dalla stampa si è appreso poi che in accordo con l’Amministrazione Comunale anche la terza rata può essere pagata entro 20 giorni dal ricevimento dell’avviso, tuttavia l’intero importo può essere pagato senza sanzioni ed interessi entro il 31 dicembre 2021. A parte la nebulosità di tale scadenzario così articolato, resta il fatto che gli utenti non hanno in tal modo la possibilità di rateizzare, come altre volte, l’importo TARI 2021. Chiediamo – continua la Bassini- che il Sindaco relazioni in maniera puntuale ed esaustiva sulla natura dei problemi tecnici e di elaborazione perdurati per mesi senza che alcuna informazione al riguardo fosse fornita agli utenti. Che vengano prodotti gli atti formali con i quali il Comune concedeva il differimento della riscossione delle rate TARI 2021. Che venga concessa la possibilità agli utenti di pagare le rate Tari 2021 fino al 31 marzo 2022 senza alcuna sanzione e senza interessi moratori.

Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *