CASTELLO e POLITICA: Bassini e le cinque liste in appoggio. La Lega presenta la lista per Marinelli

Si entra nella campagna elettorale vera e propria. Dopo la presentazione delle liste ecco che le varie componenti iniziano incontri e confronti per dare voce e spazi al candidato. Registriamo i commenti in appoggio ai due candidati a sindaco Luciana Bassini e Roberto Marinelli.

LUCIANA BASSINI E LE CINQUE LISTE IN APPOGGIO

Cinque liste , 106 candidati sosterranno la candidatura a sindaco di Luciana Bassini in vista delle elezioni comunali del 3 e 4 ottobre 2021: sono «Civici per Città di Castello»; «Unione civica tifernate», «Movimento 5 Stelle», «Castello Cambia» e «Sinistra Civica Progressista». Uno schieramento fra civismo e formazioni politiche più strutturare, che ha visto scendere in campofra l’altro alcuni consiglieri comunali in carica, esponenti delle associazioni e imprenditori, insieme a tanta gente comune.

I candidati per la carica di consigliere comunale 106, di cui la metà circa sono donne (in totale sono 50).

Fra i capolista c’è Filippo Schiattelli per «Unione civica Tiferno»; Massimo Dottorini per «Civici per Città di Castello»; Christian Biagini per «Sinistra civica Progressista» Roberto Colombo «Castello Cambia» e Anna del Buono d’Ondes per «Movimento 5 Stelle».Novità ed esperienza i criteri con cui sono state composte per costruire «l’altra Città di Castello», quella che finora è rimasta a guardare dice Luciana Bassini presentando il suo schieramento. «Pensiamo di aver raggiunto un equilibrio tra esperienza amministrativa necessaria a governare bene e in autonomia dai tecnici e tifernati che con le loro professioni e con il volontariato stanno già dando un contributo alla città – ha detto – A questi candidati è affidato un compito più difficile: costruire con sensibilità ed esigenze finora non ascoltate l’altra Città di Castello, inclusiva e dialogante”.

LA LISTA DELLA LEGA CHE APPOGGIA MARINELLI

Il Vice Segretario della Lega Umbria, On. Riccardo Augusto Marchetti, annuncia che nel pomeriggio del 3 settembre, è stata depositata la lista della Lega a sostegno del candidato sindaco Roberto Marinelli. Martedì 7 settembre alle 18, in Piazza Venanzio Gabriotti, davanti al Palazzo Comunale di Città di Castello, la presentazione ufficiale alla cittadinanza dei 24 candidati

“In questi mesi abbiamo lavorato per dare vita a un progetto concreto, che raccontasse una visione chiara di futuro, e a una squadra di donne e uomini che avessero competenze, determinazione e amore per il territorio – dichiara il Vice Segretario della Lega Umbria, Riccardo Augusto Marchetti – nel pomeriggio del 3 settembre è stata finalmente depositata la lista della Lega a sostegno del nostro candidato sindaco, Roberto Marinelli. Ieri abbiamo fatto il primo passo verso rinascita di Città di Castello – sottolinea Marchetti – grazie alla Lega i tifernati torneranno protagonisti. Siamo consapevoli che la sfida che stiamo per affrontare è ambiziosa – prosegue l’Onorevole tifernate – abbiamo scelto di sostenere Roberto Marinelli, professionista abituato al lavoro, preparato ed estraneo alle dinamiche di partito, nella convinzione che fosse la persona giusta per guidare il cambiamento. Nella lista della Lega ci sono tanti volti nuovi, ma anche donne e uomini già noti al mondo della politica – fa sapere Marchetti – novità ed esperienza saranno le solide fondamenta sulle quali costruiremo il futuro che Città di Castello merita di vivere. Nel 2019, in occasione delle elezioni regionali, la metà dei tifernati ha scelto di appoggiare la Lega – ricorda Marchetti – siamo convinti che quella ventata di rivoluzione, in antitesi ad una continuità ingombrante e stantia, anche stavolta soffierà portando la forza delle idee e non delle ideologie. Il buonsenso vincerà sugli egoismi di partito e sui personalismi di chi, come l’assessore uscente in quota PD, Luciana Bassini, dovrebbe aver amministrato Città di Castello in questi anni, ma che scopriamo soltanto ora attraverso le sue dichiarazioni odierne, è solo ‘rimasta a guardare’. La Lega non è mai stata spettatrice passiva della vita cittadina, abbiamo dato battaglia per difendere il futuro dei tifernati, siamo stati opposizione concreta e fattiva – conclude Marchetti – adesso però è il nostro momento di costruire, è l’occasione per Città di Castello e per l’Alto Tevere di tornare ad avere, anche grazie al nostro ruolo nel Governo nazionale, il ruolo centrale che meritano”.

Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *