POLITICHE SOCIALI: Castello all’avanguardia: Sperimentazione sui servizi a livello nazionale

Famiglia, anziani, disabili e giovani: progetti innovativi per i disabili adulti e assistenza alla non autosufficienza in crescita:questi i principali settori di intervento delle Politiche sociali del comune di Città di Castello nel bilancio di fine anno dell’assessore alle Politiche sociali Luciana Bassini. Tra le attività di zona quelle rivolte all’infanzia e alla famiglia: dalla Mediazione familiare ai centri diurni per minori di famiglie in difficoltà frequentati da dieci ragazzi fino al potenziamento dei servizi integrativi domiciliari o in ambiente scolastico in caso ad esempio di disabilità, anche nel periodo estivo. Su scala comprensoriale anche il SAL, Servizio di Avviamento al Lavoro e Mappa mondo, laboratorio specializzato per i ragazzi con disturbi dell’apprendimento tra gli 11 e i 12 anni. Ma la vera novità sono stati i progetti di vita cohousing sperimentati con successo a Città di Castello e i 13 progetti di autonomia attività nell’ambito per persone con disabilità “Un dopo di noi che cerca di non appoggiarsi alle strutture protette, ma cercare una forma di organizzazione tale da costruire un’autonomia fuori dalle istituzioni anche quando la rete genitoriale o parentela venisse meno” dice l’assessore, ricordando come le situazioni abitative del centro storico e della prima periferia stiamo andando avanti con 7 ragazzi e in alcuni caso uomini che assistiti da personale specializzato vivono completamente o in parte la loro giornata da soli. La domiciliarità è la soluzione anche per 85 anziani non autosufficienti e per famiglie con tempi di lavoro critici in 52 casi”.
Nella scala cittadina invece gli anziani, negli ultimi anni, sono una voce in crescita del bilanci sociale: 65 anziani usufruiscono di assistenza domiciliare, oltre ai 47 utenti delle case a canone agevolato presso la Casa Albergo e Vivo il Centro, in altri casi il sostegno è a sport in relazione ai buoni farmacie, rette di ricovero nel caso i diritti interessati non possano far fronte alle spese.
Sulla disabilità per minori, la Bassini sottolinea come il progetto di Home Care Premium, finanziato con fondi INPS, ha permesso di sostenere 110 nuclei familiari con presenza di disabili o anziani attraverso interventi di assistenza alla persona o contributi per l’acquisto di ausili. “La famiglia ha ancora molti aspetti di vulnerabilità: assistiamo 24 nuclei e, oltre al servizio adozione, lavoriamo sul versante opposto, per mantenere cioè i figli, tra 0 e 11 anni, nelle famiglie di provenienza anche se negligenti. A supporto abbiamo sviluppato l’attività del Cag, che ha accolto nel 2018 circa 180 ragazzi tra 14 e 23 anni e i centri ricreativi comunali La Bottega di Merlino, La Sfera Magica, Marameo”.
“Un atro fronte caldo è la vulnerabilità economica” aggiunge l’assessore “su cui abbiamo uno strumento più affinato dei precedenti che si chiama Rei, il Reddito di inclusione attiva, che prevede sussidi in cambio di adesione ad un progetto di reinserimento economico. Le richieste sono state 240 di cui 125 accolte dall’INPS. Emporio alimentare e i 2 posti letto riservati dalla Caritas, si aggiungono ad un quadro in cui il Comune è intervento con rimborsi alla Tari in 130 casi per 20mila euro nel 2018”.
L’area immigrazione ha potuto contare su progetti storici come i 21 laboratori di Cosmopolis, che hanno coinvolto 100 alunni stranieri per l’apprendimento della lingua, e il progetto Oikos, “nato dalla’’impegno sinergico tra il Comune e le varie realtà locali dell’associazionismo, producendo, intorno al tema dell’inclusione dei migranti, un ampio coinvolgimento di soggetti sulla base della sottoscrizione di un Accordo di collaborazione” spiega la Bassini. “L’idea centrale è quella di favorire un ruolo attivo e partecipe dei migranti nel contesto in cui vivono attraverso il loro coinvolgimento nelle attività di volontariato svolte dalle associazioni del territorio.  Le persone straniere coinvolte nell’anno sono state 25 e le attività svolte hanno riguardato principalmente la manutenzione degli spazi verdi, delle aule scolastiche, assistenza alle persone disabili, partecipazione a manifestazioni cittadine”.
Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *