LA VERGOGNA DI SANSECONDO: Scuola, strada e i lavori lasciati a metà

Lo ricordiamo perché più volte ci eravamo soffermati su questa situazione. Sansecondo era stato individuato come posto strategico per il deposito dei materiali necessari al rifacimento della linea ferroviaria. Tonnellate di pietrisco erano stati così recapitati nello spazio adiacente la stazione. Centinaia di camion hanno fatto da spola nelle giornate dello scorso anno, e per mesi, sollevando polveri, distruggendo strade e lasciando scie di fango continue. Tutto bene (si fa per dire) se non fosse che nelle adiacenze di questo deposito ci sia  la scuola d’infanzia della frazione. Insomma tanto attenti tutti alla salubrità delle cose e poi indifferenza totale  su una cosa del genere.  Insomma al danno ancora non è stato fatto riparo, e la zona nonostante il cantiere sia stato abbandonato da tempo è rimasta competentemente devastata.  Aggravante il fatto che ora la stazione  è come punto di salita per studenti e di chiunque voglia riprovare l’ebrezza del treno. A dire la verità qualche spennellata per nascondere le nefandezze scritte è stata data. Ma altro ? La situazione della scuola a fianco (chiamata per giunta vecchia stazione) non è da meno.  Interessata da lavori di rifacimento questi alla fine sono rimasti incompiuti. Quindi beffa su beffa, tanto che la popolazione che si riunisce all’interno del Comitato Pro Sansecondo ha inviato una pesante critica al sindaco che da tempo era stato informato di questa situazione.

“Il Comitato Pro San Secondo si fa portavoce di quanto segnalato dai genitori della scuola dell’infanzia di San Secondo.

Era il 17 settembre quando venne inviata al Sindaco del Comune di Città di Castello e agli assessori competenti,e per conoscenza anche al dirigente scolastico e al Comitato pro San Secondo, una lettera con sollecito urgente di risposta, rispetto allo stato del plesso scolastico e della strada circostante .

A quella lettera non è stata ancora data alcuna risposta come invece richiesta.

Il Comitato Pro San Secondo conferma e ribadisce la grave situazione in cui i cittadini si trovano ogni giorno.

Numerosi i punti in cui venivano chiesti interventi  urgenti, citiamo di seguito quelli principali e più gravi :

stato dell’unica strada che da accesso alla scuola.

Dopo il deposito/cantiere dei lavori di rifacimento del tratto di binari della FCU la strada è stata lasciata letteralmente devastata. La strada è solcata da delle buche, anche se definirle buche è un eufemismo. Sono dei veri solchi. L’unico spazio di manovra  è il piazzale della stazione ed  è in condizioni veramente incredibili, vi è ancora materiale di deposito abbandonato e il manto stradale è stato rovinato cedendo a tal punto da essere presenti anche delle perdite di acqua consistenti derivate forse da danni alla rete idrica o fognaria.

Prima dell’accesso al piazzale è presente una rete da cantiere divelta e abbandonata ai lati della strada con quel che resta di  cartellone dei lavori, che ad oggi non si sa nemmeno se siano terminati.

Anche il piazzale della scuola stessa è  in condizioni pietose e bastano delle leggere precipitazioni per creare un notevole ristagno di acqua in prossimità del cancello dell’ingresso principale. Si chiede quindi il ripristino del suddetto manto stradale che potrebbe essere causa di danni e/o incidenti responsabili dei quali sarebbe solo l’incuria  e l’abbandono a cui siamo stati lasciati.

I  lavori denominati come “intervento di riduzione del rischio sismico e miglioramento scuola infanzia primaria San Secondo ” sono terminati come da progetto ?

Sono molti i segnali che ci lasciano intendere che gli interventi non siano conclusi. Per prima cosa ancora è presente il cartellone di cantiere e poi da un’osservazione fatta nelle scuole “gemelle”, se così si può dire, di La Tina e Cerbara che sono state coinvolte nel medesimo tipo di intervento, tutto lascia pensare che i lavori della scuola di San Secondo non siano giunti a termine. Nella  scuola di San Secondo non esiste copertura della struttura che costeggia l’intero  perimetro della  scuola e sono evidenti ristagni di acqua che arrivano addirittura ad uno degli ingressi . Sono inoltre  già evidenti segni di logorio e abbandono.

Si chiede quindi chiarezza e trasparenza rispetto ai lavori della scuola e che vengano terminati il prima possibile.

–  Il giardino della scuola è in abbandono, praticamente senza giochi e con situazioni di alto rischio come la recinzione.

Il parco della scuola è in stato di abbandono . Dopo la lettera di segnalazione sono stati tolti gli unici giochi che erano pericolosi ed è stato tolto parte di un fitto rogo. Il giardino versa in condizione di abbandono, senza giochi e con un lato della recinzione altamente pericoloso poiché arrugginita e sollevata da terra tant’è che un bambino potrebbe incastrarcisi.

L’intero plesso scolastico è inoltre  privo di illuminazione esterna. Quando di inverno i bambini escono da scuola è ormai buio e l’uscita e l’intero piazzale viene percorso nella totale oscurità. Oltre a essere una situazione ad alto rischio per i bambini e  i loro accompagnatori riteniamo che  lo sia anche per l’intero personale scolastico e soprattutto per il personale ata che deve provvedere alla chiusura dell’edificio. Si rammenta inoltre che il plesso è situato  su una strada chiusa ed isolata e che non può nemmeno godere dell’illuminazione di edifici o strutture limitrofe .

Questi i punti principali della lettera, Il paese di San Secondo è veramente indignato  dal fatto che fino ad ora chi di dovere non ha visto tanto degrado, che non ha sentito  quanto segnalato dai cittadini e ora è muto davanti alla richiesta di risposte”.

 

 

Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *