CROSSODROMO LA TROGNA,fa della città la capitale del MotoCross. Presente Cairoli

Il circuito dei “campioni”: per due giorni Città di Castello la capitale del cross. “Ancora una volta i rappresentanti del Motoclub “Ennio Baglioni”, con il presidente Franco Polidori e tutto lo staff organizzativo in testa, si sono superati nell’allestire un’altra tappa importante del campionato italiano di cross con i migliori piloti e la visita gradita del pluridecorato campione del mondo Antonio Cairoli ormai di casa alla Trogna. L’immagine della nostra città e di questo sport popolare ha fatto il giro del mondo attraverso i media specializzati e i canali di promozione del settore che hanno sottolineato la straordinaria potenzialità di un circuito fra i più tecnici e quotati in ambito non solo nazionale gestito in maniera impeccabile grazie alla passione e competenza del Motoclub Baglioni che dallo scorso 2016 ne è diventato proprietario.” E’ quanto dichiarato dall’assessore Massimo Massetti, presente oggi (n.d.r. domenica 23 settembre) alla giornata conclusiva della sesta prova dell’Italiano Motocross con due manche classiche per ogni categoria, MX1 e MX2 con i gruppi A e B, più una superficiale che ha visto schierarsi i migliori piloti italiani delle due categorie ed eventuali piloti del Mondiale. “Un vero e proprio circuito dei campioni che ha ricevuto spesso visite eccezionali come quella di Valentino Rossi e oggi di Antonio Cairoli nove volte campione del mondo di cross”, ha concluso l’assessore allo Sport, Massimo Massetti, che ha assistito alle partenze “mozzafiato” della mattina affiancato dal Presidente del Motoclub Baglioni, Franco Polidori (nella foto) e di numerosi membri e soci del prestigioso sodalizio sportivo. Il circuito da cross “G.Ceccarini” in località “la Trogna” a Città di Castello, è uno dei pochi impianti a livello nazionale per importanza e caratteristiche tecniche del tracciato ed ovviamente delle manifestazioni sportive riconosciute dalla F.M.I (Federazione Motociclistica Italiana) ad essere gestito da una associazione, il “Motoclub Ennio Baglioni”, che ne è divenuta anche proprietaria dell’intera area destinata alle gare. Proprietario e gestore al tempo stesso, un esempio di non poco conto, visti i tempi che corrono, che potrebbe sicuramente far scuola anche in altri ambiti e discipline sportive sempre più alle prese con la ristrettezza dei bilanci e delle risorse economiche per garantire la piena funzionalità delle diverse strutture. Franco Polidori è il presidente del Motoclub “Ennio Baglioni” (fondato nel 1974 in onore di un tifernate che perse la vita nel corso della Milano-Taranto) che dal 1987, anno in cui fu inaugurato il circuito da cross, enduro e fuoristrada, gestisce con competenza, passione e risultati di prestigio, l’attività agonistica, che ha garantito a Città di Castello di essere spesso al centro della programmazione nazionale ed  internazionale della federazione (tutti ancora oggi ricordano il successo degli assoluti d’Italia di motocross nel 1990). “Gara dopo gara, campionato dopo campionato, ancora un impegno gravoso che però ci riempie di orgoglio e carica di responsabilità e senso di appartenenza ad una struttura, un impianto che ha visto protagonisti campioni delle varie specialità, iniziare la propria attività proprio a Città di Castello, in questo tracciato – ha precisato il presidente Polidori – e oggi grazie al sostegno delle istituzioni, come il comune di Città di Castello, che ci sono state sempre vicine, abbiamo inaugurato un nuovo modo di gestione in completa autonomia all’insegna della sicurezza, del miglioramento del percorso e della programmazione agonistica”.
IL CROSSODROMO
Il circuito del crossodromo “G. Ceccarini” ha una lunghezza di circa 1780 metri.
E’ omologato 1° categoria FMI – UISP e sono ammessi tutti i piloti con le rispettive licenze. Il terreno della pista è argilloso e a tratti sabbioso, garantisce un ottimo grip con pista umida ma anche in condizioni di pioggia il grip non è indifferente. Il terreno è curato e irrigato a dovere anche nei periodi più caldi dell’anno dove, grazie all’apposito impianto, la pista viene regolarmente bagnata. Il circuito è uno dei più importanti del centro Italia, spesso teatro di numerose gare e manifestazioni internazionali. Difficoltà: Livello medio, la pista richiede una certa esperienza per essere goduta appieno pur risultando molto divertente anche per piloti alle prime armi.
CDCNOT/18/09/23/COMINLINEA/452/GGAL
Giorgio Galvani, giornalista
Ufficio Stampa – Capo ufficio stampa
Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *