MOSTRA: TABACCO E CARTA, LA NOSTRA STORIA ATTRAVERSO IL LAVORO

“Storie di Donne” è il titolo dell’interessante mostra che verrà inaugurata sabato 23 giugno a Villa Graziani di San Giustino, nella quale tornerà a esporre la nota artista Lughia Caddeo. Due mesi in cui il visitatore potrà ammirare tutte le opere che sono state eseguite con una tecnica del tutto particolare: verranno proposte delle creazioni che raccontano il territorio di San Giustino e quello di Fabriano. Tabacco e carta, quindi, due elementi che contraddistinguono questi luoghi che daranno vita a un racconto particolarmente affascinante legato alla storia, all’economia e alla cultura sia del Comune dell’Altotevere che a quello marchigiano. Inaugurazione ufficiale fissata per le ore 18 di sabato 23 giugno a Villa Graziani di San Giustino.

Dove:                                   San Giustino (PG)

Spazio:                                 Villa Graziani

Indirizzo:                             Località Celalba

Orario:                                 sabato – domenica 10.30-12.30/15.30-18.30

Periodo:                              23 giugno – 26 agosto

Titolo:                                  Storie di Donne

Artista:                                Lughia

Curatori:                             Andrea Baffoni, Giuseppe Salerno

Testi in catalogo:              Giancarlo Castagnari, Andreina De Tomassi, Andrea Baffoni, Giuseppe Salerno

Organizzazione:               Spazio 121 – Perugia

Patrocini:                             Comune di San Giustino, Città di Fabriano, ISTOCARTA, Museo Storico del Tabacco, Museo della Carta e della Filigrana

 

Inaugurazione:               sabato 23 giugno ore 18.00

Lughia rende omaggio alle giovani fanciulle che determinarono il prosperare di economie che nei secoli hanno caratterizzato due importanti territori: quello di Fabriano, noto per la produzione della Carta, e quello di San Giustino, impegnato nella produzione del tabacco.

———————————–

 

Un accostamento originale ed un racconto avvincente quello di Lughia che accende i riflettori sul sacrificio delle nostre nonne che hanno dato futuro alle nostre terre.

Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *