SANSEPOLCRO: in Consiglio , prodotti fitosanitari, casa della salute e restauri

Nei giorni scorsi è tornato a riunirsi il Consiglio comunale di Sansepolcro. Al centro del dibattito tematiche di stretta attualità quali Casa della Salute e restauro della Resurrezione, ma anche scuola Collodi, presidi ospedalieri, Giudice di Pace e politiche del personale. Il dibattito è stato preceduto dalla premiazione dei rappresentanti di Misericordia e Croce Rossa per il successo ottenuto dai corsi formativi di primo soccorso rivolti alla cittadinanza. Nella tarda serata, il consiglio ha quindi approvato una serie di importanti varianti urbanistiche inerenti aree produttive, ampliamento viabilità e lottizzazione residenziale, oltre a un atto di indirizzo per l’ex agenzia tabacchi. I lavori si sono conclusi con la discussione e successiva approvazione dei due Regolamenti comunali sull’uso dei prodotti fitosanitari e l’esercizio del gioco lecito.

COMUNICAZIONI – Il presidente Moretti ha fornito aggiornamenti sul progetto Studenti in Consiglio comunale, con gli alunni delle scuole superiori che hanno presenziato alle due sessioni di lavoro concordate dai capigruppo. Dopo l’omaggio della sala al neolaureato consigliere Rivi, il sindaco Cornioli ha consegnato ai consiglieri una copia del volume dedicato alla nuova mostra su Piero e la prospettiva inaugurata al Museo Civico il 25 marzo scorso. La parola è passata all’assessore Vannini che ha fatto il punto sui corsi informativi di primo soccorso per la cittadinanza organizzati in collaborazione con Misericordia e Croce Rossa: i 16 appuntamenti hanno visto la partecipazione di 454 persone. Presenti in sala i rappresentanti delle due associazioni che hanno ricevuto uno speciale riconoscimento dall’amministrazione comunale per l’ottimo lavoro svolto.

CASA DELLA SALUTE – La questione ha costituito la tematica centrale della prima parte di consiglio in virtù dell’interrogazione presentata da M5S, delle due mozioni inoltrate da M5S, PD-InComune e dell’ordine del giorno urgente dei gruppi maggioranza (i punti sono stati accorpati). Al centro del dibattito, la collocazione del servizio: se da un lato le due minoranze hanno evidenziato la necessità di individuare una struttura pubblica al pari di altri comuni della provincia (distretto via S.Tito, ospedale), dall’altro la maggioranza ha rimarcato una serie di fattori, quali mancanza di spazio e parcheggi, che compromettono queste soluzioni favorendo la scelta degli spazi di via Montefeltro: un’opzione concordata con Asl, ben accolta dai medici di base e in possesso di tutti i requisiti richiesti dalle direttive regionali. L’amministrazione si è detta favorevole a concertare non tanto sul luogo, quanto sulla qualità dei servizi che la Casa della Salute offrirà ai cittadini. Da qui, l’approvazione dell’odg della maggioranza che impegna l’amministrazione “a rendere operativo il prima possibile il servizio” e la respinta delle mozioni delle minoranze.

INTERROGAZIONI – Restauro resurrezione (Giunti e Laurenzi): il sindaco fa una panoramica delle attività svolte, delle risorse stanziate – 160mila euro in aggiunta ai 100mila donati dal dottor Osti – dei progetti editoriali e delle iniziative del Comitato scientifico che il prossimo 4 maggio presenterà i dati tecnici del restauro; Presidi ospedalieri (Giunti): Vannini spiega che l’ospedale della Valtiberina, considerato ‘limitrofo’, ha un primo soccorso ben attrezzato, con hdu che verrà ultimato a giorni, il 118 è ben operativo e sufficiente per le esigenze del territorio, mentre i comuni montani hanno come presidio di riferimento Sasso Corvaro; Politiche personale (Laurenzi): l’assessore Del Furia spiega che la programmazione annuale del DUP è vincolata da diversi parametri che non consentono una disponibilità numerica di risorse tale da garantire il pieno fabbisogno di personale, e che la mancata assunzione di un geometra è frutto di una serie di situazioni non programmabili; Risposta Marzi su Scuola Collodi (Laurenzi): l’assessore ha precisato che i 70mila euro di manutenzioni erano stati erroneamente trasmessi omettendo la suddivisione degli interventi della vecchia amministrazione, elencando tuttavia una serie di problematiche pesanti attualmente in essere nel nuovo plesso e specificando che quella somma non avrebbe potuto sostenere il progetto di rinnovo palestra. Giudice di Pace (Laurenzi): il sindaco ha ricordato come Sansepolcro al tempo avesse garantito risorse e personale per il ripristino, senza tuttavia ricevere il supporto degli altri comuni chiamati in causa; al momento la questione è in fase di stallo e nemmeno sollecitata dagli avvocati.

URBANISTICA – Il Consiglio è quindi proseguito con l’approvazione di una serie di importanti punti urbanistici: il primo è la variante n.08 bis relativa al RU delle aree produttive (tutte zone presenti all’interno del piano strutturale ma figuranti come non edificabili); il secondo è la variante n.07 per l’ampliamento della viabilità di collegamento tra via Senese Aretina e Via Saragat; il terzo ha riguardato il piano di lottizzazione residenziale della stessa area di trasformazione identificata come TR16; quarto ed ultimo punto, la variante semplificata n.10 nell’area dell’ex Agenzia Tabacchi; con quest’ultimo atto il Consiglio dà mandato agli uffici di attivare una fase di analisi e progettazione con il supporto di incontri e iniziative pubbliche. Un atto interessante che prevede un percorso partecipativo e al quale i gruppi hanno espresso favore unanime.

REGOLAMENTO FITOSANITARI – Alle ore 00:30 l’assise vota favorevolmente al proseguimento della seduta (contrario Fi, astenuto Pd-In Comune) per l’approvazione dei due regolamenti comunali all’Ordine del Giorno. Il primo di questi riguarda l’utilizzo dei prodotti fitosanitari. “Tale documento è frutto di un’ampia fase di studio, confronto e concertazione – ha spiegato il sindaco Cornioli, titolare della delega all’agricoltura – in fase di partenza, speravamo in un percorso condiviso dall’intera valle, ad ogni modo si tratta di un passo importante in avanti per il territorio e siamo orgogliosi di aver dato questo contributo alla comunità. Il regolamento rappresenta una giusta misura nell’incontro tra ambientalisti e agricoltori. Rendiamo merito alla presidente Catia Giorni e alla consigliera Francesca Mercati per l’importante lavoro svolto in sede di Commissione e Unione dei Comuni.” Giorni ha parlato quindi di “Un momento fondamentale per Sansepolcro e il territorio. Con grande spirito di confronto, in un clima tutt’altro che repressivo, approviamo un regolamento equo ed efficace, non perfetto ma certamente ‘perfettibile’ con l’aiuto di tutti.” Il lungo dibattito si è concluso con la votazione favorevole dei consiglieri di maggioranza, Giorni e Laurenzi,contrario di Giunti e Rivi. Quest’ultimo, nelle sue intenzioni di voto, ha rimarcato come la questione, nata a partire da una vicenda mediatica sviluppata tempo addietro da una nota azienda del territorio, abbia portato a una sorta di ‘demonizzazione’ della categoria agricola.

REGOLAMENTO GIOCO LECITO – Dopo vari passaggi in commissione regolamenti e sociale, il Consiglio ha infine approvato con votazione unanime il Regolamento comunale sul gioco lecito. Per la comunità di Sansepolcro, dove nel 2016 sono stati spesi 26 milioni di euro a fronte dei 21 di vincite per una perdita netta di 5 milioni, si tratta di un primo importante passo nel fronteggiare tale problematica. Assieme alla possibilità di garantire incentivi ai soggetti che intendano rinunciare all’installazione di slot machine, l’amministrazione lavorerà alla creazione di iniziative sociali e campagne di sensibilizzazione.

I lavori del Consiglio Comunale si sono conclusi alle 2:12.

Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *