ALLARME MEDICI DI BASE. In due anni aumento dei pensionamenti

Tra un paio di anni se la situazione dovesse continuare così 15mila tifernati potrebbero trovarsi in difficoltà nel reperire un medico di famiglia se, l’allarme lanciato a livello nazionale, si concretizzasse con il mancato reinserimento dei medici che da qui al 2020 andranno in pensione.
Da un calcolo fatto i pensionamenti dovrebbero lasciare buchi per circa 45 mila medici di base. Nel nostro Comune la cifra dovrebbe aggirarsi intorno ai dieci pensionamenti nell’arco dei prossimi due anni. Un ammanco che lascerebbe scoperti quasi 15 mila utenti. Il medico di base, infatti, ha un target di 1500 pazienti e non può superare di fatto questa cifra.


Perché sale la preoccupazione per questa notizia? Sale perché sembra che ancora il servizio sanitario non abbia messo mano ad operare una ricerca per calmierare questo eventuale problema. Il medico di famiglia è da sempre un punto di riferimento per i malati, una sorta di ancora di salvataggio prima di un eventuale raccordo con lo specialista.
Le file chilometriche nelle sale d attesa, la malattia degli anziani che diventa proprietà di tutti , è un immagine retorica se vogliamo ma che ci riporta a quello che è il nostro percorso dalla fine della Guerra ad oggi. Le sale di aspetto che diventano, come diceva un medico attempato: “una sorta di centro aggregativo per anziani, che spesso si ritrovano più per socializzare che per reale necessità”, rischia così di venire superato. Esistono medici che hanno la voglia dopo un percorso articolato di studio di affrontare questa branchia della sanità oppure no ? A Milano, secondo i dati forniti dall’Enpals ed elaborati dal sindacato Fimmg ci sono 400 posti vacanti, (dei 670 posti messi a bando ,400 sono rimasti liberi) e molti altri nell’intero territorio nazionale. Perché avviene questo? Forse perché il bando che è stato fatto prevedeva la copertura di posti in zone disagiate, lontani dai centri abitati e sperduti in qualche valle alpina. Ma qui da noi non dovrebbe essere così gravoso affrontare questo tipo di impegno.

Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *