TELELASER: deterrente o macchinetta triturasoldi ?

Se c’è un merito tra i tanti che ha la polizia municipale è sicuramente quello di avere rinfocolato quello strumento purtroppo abbandonato tra i civili residenti di ogni luogo che è il saluto. Il loro potere, quello degli agenti -soprattutto quelli piazzati con la macchinetta telelaser – è appunto quello che, grazie alla loro presenza, nel raggio di un chilometro la gente sulla strada riprende immediatamente ad usare quello strano movimento della mano che è inequivocabilmente un richiamo all’amicizia, che svicola quasi nella solidarietà.
Lampeggiate tra le auto, sbracciate elargite con più o meno veemenza ti lanciano quel messaggio di allarme che in uno stato di lecita confusione da lo sfogo alle più svariate ipotesi di interpretazione: cosa può avere scatenato quel saluto? 1) era Marco (piuttosto che Paolo) che ha cambiato l’auto e non l’ho riconosciuto? 2) ho il portellone aperto, una ruota sgonfia, il fanalino che non funziona, l’auto sporca? ho dimenticato la zia al distributore? il cane, il gas acceso? E mentre elabori alla velocità della luce tutte ste faccende, ecco che la frittata è fatta. Il selfie con la pattuglia della municipale è già stampato. Sei stato immortalato alla velocità impressionante di 72 chilometri orari…netti, su un rettilineo che se ci fosse stato il Niki Lauda dei tempi d’oro lo avrebbe usato per il decollo del suo aereo monoelica. E ti domandi, prendendo nel frattempo coscienza della situazione, come tu non sia riuscito ad accorgerti di come abbia fatto la tua auto ad elevarsi ad una velocità così vorticosa. I finestrini non hanno vibrato, le ruote non hanno tremato, i fischi provocati dalla turbolenza non ti hanno avvisato, quindi? Colpevole! Giustamente.Due/tre punti e 129,50 euro se paghi entro 5 giorni, diversamente quasi il doppio. E mentre pensi a tutto questo noti che nel rettilineo in questione (prima dell’abitato di Promano capita spesso, ma anche in altri rettilinei) tutti hanno capito e rallentano, anzi si fermano, vedi ciclisti che sorpassano auto; apecar che suonano per farsi strada su automobilisti improvvisamente addormentati. Poi una volta superato il pericolo eccoli, piano, piano riprendere a “volare”, e questa volta dentro al centro abitato quindi non tutelato dal controllo vigile del telelaser super tarato, e molto più irto di pericoli, di incroci, di scuole e di abitazioni.
Spulciando qua e là nel mondo variegato del web è saltata agli occhi una notizia che mette in evidenza come le multe in Italia per la velocità toccano in altissima percentuale a quegli automobilisti che viaggiano intorno ai 60/75 chilometri orari; e come l’apparecchiatura venga usata fuori dai centri abitati dove vige un limite di 50, spesso inopportuno in considerazione della tipologia di strada, e aggiungiamo della sicurezza delle auto di oggi in contrapposizione ad un limite da codice della strada dell’ante guerra, quando la maggioranza dei veicoli erano quelli spinti a forza…muscolare.
In alcune cittadine si sono mobilitati partiti politici (chiaramente di opposizione) per evitare che l’utilizzo del telelaser diventi una sorta di taglieggiamento nei confronti degli automobilisti. Ricordando che il Prefetto di Perugia impedì a suo tempo alla polizia municipale l’utilizzo del telelaser sulla E45, non dando così modo a piccoli comuni con poche centinaia di metri di competenza, di utilizzare un’arteria di grande comunicazione per fare cassa, come non dare ragione alla sollevazione per un limite capestro? La valutazione di un importante strumento di controllo sta soprattutto nel suo modo di utilizzo. Diventa importante dove esiste realmente una necessità; assolutamente antipatico dove è evidente che l’uso del mezzo viene fatto solo per aumentare gli introiti a danno del cittadino, e cattiva pubblicità per il Comune che ne fa questo tipo di utilizzo. Nel nostro territorio ci sono zone dove è necessaria la presenza anche fisica non solo meccanica dei tutori dell’ordine: Fabbrecce, Lerchi, Promano, Sansecondo; ma per prendere gli Alboreto dei centri abitati; non gli automobilisti assonnati da rettilineo di boccia alla lunga.
La discussione non riguarda solo il nostro territorio
http://m.cronachemaceratesi.it/2014/04/23/telelaser-in-azione-in-contrada-valle-siete-sicuri-di-usarlo-in-modo-utile-e-onesto/455340/#mobile_comments

Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *