Violenza nei campi di calcio

Si inizia male, molto male, se è dovuto intervenire anche il Presidente del Comitato Regionale Umbria Giuseppe Palmerini con un Comunicato Stampa, sta a significare che la partenza di questa Stagione Sportiva in Umbria è nata veramente male. Bene ha fatto il Presidente Palmerini a farsi sentire presso tutte le Società affiliate al Comitato Regionale Umbria con un Comunicato Stampa perchè continuando così non si va lontano, i fatti successi nell’ultimo weekend calcistico in alcuni campi da calcio della verde Umbria sono pesanti, pesanti come macigni, 2 squalifiche per ben 10 turni a due calciatori uno di Prima Categoria e uno addirittura che disputa il Campionato Regionale Allievi (!) per ” insulti di chiaro contenuto discriminatorio”, il bollettino di guerra della gara Allievi Regionali non si ferma purtroppo qui perchè la lista delle squalifiche è ancora lunga, un’altro calciatore è stato squalificato per 8 turni ” perchè spintonava con forza l’arbitro “, quattro turni di squalifica ad altri due calciatori per violenze varie uno ” colpiva con un pugno un’avversario ” e l’altro ” tratteneva per il collo e spintonava un calciatore dell’altra squadra “ad un quinto calciatore sono state comminate 2 gare perchè espulso dal terreno di gioco, le due Società sono state multate 150 Euro ” perchè al termine della gara propri tesserati prendevano parte ad una rissa con tesserati della squadra avversaria “. E non petava mancare nella lista dei cattivi anche uno dei due tecnici che e’ stato fermato fino al 30 Ottobre ” perchè a fine gara si dirigeva con aria minacciosa verso un dirigente avversario e gli dava una spinta che originava la rissa finale tra i calciatori “. Tutto questo è accaduto in una gara di Allievi Regionali A1 che si è disputata nel ternano tra Campitello e Pontevecchio, tutto questo in gara di ragazzi di sedici anni che in base a quanto riportato dal bollettino ufficiale del CRU ha poco a che fare con una gara di calcio giovanile. Fatti inqualificabili che hanno ben poco a che fare con lo sport, ma così e’ purtroppo e bene ha fatto il Presidente Palmerini ad intervenire subito facendo sentire la sua voce invitando alla lealtà ed al reciproco rispetto tutte le componenti calcistiche ed emarginare chi ignora queste regole di civile convivenza.

Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *