RIVEDIAMOCI DA BANI: 60 ANNI DI STORIA TIFERNATE IN UNO SCATTO

Dagli scatti in bianco e nero, al colore, alle istantanee fino ai selfie: sessanta anni di storia della città attraverso l’obiettivo di Franco Bani. Dalla fine degli anni cinquanta il suo studio fotografico in piazza Matteotti è stato un vero e proprio punto di riferimento di intere generaziooni di tifernati e non, che ne hanno potuto apprezzare le doti professionali ed il carattere signorile sempre disponibile ad ogni richiesta di intervento per immortalare attimi dI vita che ora appartengono alla storia della città. Lo “studio” ha chiuso i battenti il 28 febbario 2014 ma quasi d’incanto e a grande richiesta, la famiglia Bani, la moglie Anna Maria, i figli Cristina, Marco e Riccardo hanno deciso di riaccendere le luci della storica vetrina per una inedita rassegna di oltre 600 fotografie (una minima parte della montagna di scatti d’autore) realizzate da Franco nel corso della onorata carriera: fino al 7 maggio i locali di piazza Matteotti rimarranno aperti al pubblico. Anche il sindaco Luciano Bacchetta, assieme all’assessore allo sport, Massimo Massetti, ha visitato la ricca esposizione che ripercorre le tappe salienti della storia cittadina e immortala veri e propri eventi come l’incontro dell’avvocato Gianni Agnelli con il maestro Alberto Burri, una giovanissima Monica Bellucci, lo “sbarco” in centro dei “capelloni” di Umbria Jazz il 22 luglio 1976 e tanti momenti di vita quotidiana attraverso i veglioni, i campi di calcio, i rioni e le foto di gruppo in classe. “Franco Bani assieme alla sua famiglia ha offerto alla città, con questa spontanea e straordinaria rassegna di ricordi e momenti di vita tifernate, una occasione unica per rinsaldare attraverso i volti, le situazioni, le manifestazioni, gli eventi, lo sprito di appartenenza ad una comunità orgogliosa delle sue origini e della sue prospettive future da tramandare alle giovani generazioni. In occasione dei suoi splendidi 90 anni ha inoltre voluto fare un regalo alla propria famiglia e città tutta che a livello istituzionale avrà modo di contraccambiare con un doveroso riconoscimento”. E’ quanto dichiarato dal sindaco, Luciano Bacchetta, al termine della visita alla originale rassegna fotografica.

Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *