Civetterie da comari, nel calcio dei grandi

CATTIVI PENSIERI
di Alfred Mezzaluna
“Ancora non si sono spenti gli echi della polemica Mancini – Sarri che eccoti nell’ultima gara della 21^ Giornata di Serie A scoppia un’altro caso: il capitano della Roma De Rossi apostrofa con pochi complimenti il centravanti bianconero Mandzukic, e giu’ tutti a parlare e discutere che in campo serve il buonismo e che cosi’ non si puo’ andare avanti e bla bla bla..
Non si parla piu’ di tattiche, di azioni corali di squadra o di cambi di calciatori piu’ o meno azzeccati da parte del Mister di turno; di clamorose papere di quello o quell’altro estremo difensore, di reti sbagliate stile Calloni. No, adesso va di moda sentirei commentatori puntare occhi e relative stilo solo su casi di gossip, che hanno veramente poco o niente da fare con il gioco del calcio, quello che piace a noi.
Autorevoli giornalisti come Brera o Tosatti non sarebbero mai scesi a commentare queste civetterie da comari e credo che non le avrebbero mai e poi mai neanche minimamente prese in considerazione.
Adesso sono diventati tutti dei puritani del gioco del football, come se fino a ieri, nessun calciatore o tecnico abbia mai mandato a quel paese un suo collega. Come possiamo non notare che molti commentatori sono alla ricerca del labiale per carpire lo scambio di battute tra questo e quello: un fattore preoccupante che sta sempre piu’ prendendo piede a discapito delle discussioni sul calcio giocato.
No, quello non interessa piu’ o nel migliore dei casi interessa molto meno, perchè tra la tecnologia che inizia a fare il suo debutto nei campi da gioco ( non sono serviti neanche due Giudici di linea per capire se la palla e’ entrata o no), si preferisce soffermarsi su calciatori e tecnici e sulle loro prese per i fondelli.
Continuando di questo passo invece di andare allo stadio a vedere le partite tra non molto, queste saranno giocate tranquillamente alla playstation cosi’ se il pallone e’ entrato c’e’ lo dira’ il computer… anche se il capitano di turno non potrà mai offendere il centravanti avversario, per la serenità di tutti”.

Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *