PALLAVOLO: La Gherardi entra nella storia. Batte Loreto e vola in semifinale

Un’’immensa GHERARDI CARTOEDIT SVI, guidata da uno stratosferico Nemec autore di 32 punti col 64% in attacco, vince 3-1 a Loreto e si qualifica per le semifinali. Straordinaria la prestazione di tutti i ragazzi di Radici che chiudono la pratica e fanno esultare gli encomiabili tifosi tifernati arrivati in 200 a Loreto e ripagati alla grande dalla performance dei propri beniamini. Questa volte il quinto set nonI due allenatori scelgono gli stessi sestetti con cui hanno iniziato gara 2 a Città di Castello e la prima battuta è di Moretti, il primo punto di Ravellino e il primo break di Nemec dalla seconda linea (1-4). Un altro bolide da seconda linea dello slovacco porta i biancorossi sul 3-6 e Ravellino chiude l’attacco del 5-8 per il primo time out tecnico. Anche Vedovotto picchia dal servizio e il muro a uno di Ravellino su Paoli lancia la GHERARDI CARTOEDIT SVI sul 5-10. Sull’8-12 Paoli trova l’ace che accorcia le distanze poi Rosalba va a segno per il 9-13. Una grandissima difesa firmata Rosalba-Vedovotto-Orduna porta la GHERARDI CARTOEDIT SVI sul 10-15 e subito il muro di Ereu riavvicina i marchigiani per il 12-15 e il time out di Andrea Radici. Alla seconda interruzione tecnica i tifernati sono avanti nettamente (12-16) ma poi un buon turno in battuta di Di Marco e un errore in attacco di Nemec riaprono i giochi (15-17). E’ il capitano Rosalba a ristabilire le distanze con un muro su Moretti, subito doppiato da Rossi e Nemec su Paoli  (16-20) e la “pipe” di Vedovotto frutta il 17-22. La fase finale è ancora tifernate: Nemec spara a terra l’ace del 17-23, Orduna inganna il muro loretano con un bel pallonetto per il 19-24; l’Energy Resources annulla due palle set ma non può nulla sulla bomba di Vedovotto (21-25). Il primo punto del secondo set è firmato Nemec dopo un altro gran tuffo di Rossini, poi Paoli mura Nemec e Loreto va sul 4-2 e poi sul 6-3 dopo un contestato fischio su Orduna. Al primo time out tecnico la GHERARDI CARTOEDIT SVI è comunque a soli due punti di distacco grazie a Nemec e Vedovotto (8-6) ma Loreto ricaccia indietro i tifernati (10-7) che non si fanno intimorire e  pareggiano con l’ace di Vedovotto (10-10). Ancora una contestazione su una palla toccata frutta il 12-12: poco male, Nemec non sbaglia la ricostruzione del 12-14 e costringe Fracascia al time out discrezionale. Un errore di Dolfo manda le sue squadre al secondo time out tecnico sul 13-16 dopo il quale Fracascia toglie Dolfo per Koresaar che mette a segno il 15-16 e il 16-16 dopo un’azione interminabile fatta di muri, coperture e difese. Moretti schiaccia out per il nuovo break di Città di Castello (17-19) e un’altra palla tenuta da Rossini in difesa è ricostruita da Orduna e Vedovotto (17-20 e time out Fracascia). Al rientro il giocatore di scuola Sisley trova ancora due splendidi attacchi vincenti (17-21), il secondo dopo un altro mezzo miracolo difensivo targato Rosalba-Rossini. Il muro di Paoli riavvicina a tre lunghezze Loreto poi Nemec firma il 20-24 e il successivo 21-25. E’di nuovo un ispirato Nemec a firmare un break in avvio di terzo set (2-4) e un muro sullo stesso slovacco consente ai loretani di pareggiare (4-4). Il primo vantaggio marchigiano è sul 7-6, l’ace di Ereu costringe Radici al time out discrezionale (13-11) mentre le due tifoserie gareggiano con la voce per incitare i propri beniamini. Alla seconda interruzione i marchigiani sono avanti (16-12) poi Rosalba mura Moretti (17-15) e Nemec  non sbaglia il 17-16. La GHERARDI CARTOEDIT SVI prova l’aggancio ma Dolfo la ricaccia indietro (22-19) poi il neo entrato Di Benedetto inchioda lo stesso Dolfo per il 22-20. Ravellino mura Di Marco (23-22) ma Dolfo guadagna due palle set per l’Energy: la prima l’annulla Nemec, la seconda è trasformata ancora dal neo azzurro. 0-3 subito in avvio di quarto set (out Ereu, ace Vedovotto e muro Rosalba) poi il capitano ferma ancora Moretti e Fracascia chiama time out (1-5). I loretani raggiungono i ragazzi di Radici sul 6-6 dopo un cartellino giallo a Rosalba per una protesta su una palla toccata. I marchigiani sono caricati dalla rimonta (9-7) che riesce anche ai tifernati (10-10), subito rispediti a due lunghezze da Visentin (14-12). Nemec è implacabile e con due punti di fila, propiziati dalle difese di “Totò” Rossini, porta avanti la GHERARDI CARTOEDIT SVI al secondo time out tecnico (15-16). E’ Di Benedetto, in campo per Rossi, a murare Paoli che poi spara out la palla del 15-18. Il giocatore toscano costringe Ereu all’errore in ricezione subito sfruttato da Vedovotto (16-20) ma i bianco blu cercano la nuova rimonta (20-22). Niente da fare perché Dolfo commette fallo di seconda linea e, dopo un match point annullato, Nemec chiude la contesa e regala la semifinale alla GHERARDI CARTOEDIT SVI. Poi tutti in campo a festeggiare con i tifosi che saltano assieme ai giocatori.

1-3

(21-25/21-25/25-23/22-25)

ENERGY RESOURCES CARILO LORETO: Visentin 3, Moretti 19, Dolfo 13, Ereu 15, Di Marco 7, Paoli 13, Romiti (L), Marchisio, Koresaar 3, Corti, Mor. A disp.: Gabbanelli, Marzola. All. Fracascia.

GHERARDI CARTOEDIT SVI: Orduna 1, Nemec 32, Rosalba 14, Vedovotto 17, Rossi 4, Ravellino 7, Rossini (L), Marino, Lipparini 3, Di Benedetto. A disp.: Cherubini, Nardi, Benedetti (2L). All. Radici.

Arbitri: Gini (CA) e Longo (GR)

Note: Loreto (b.v. 2, b.s. 11, muri 11, errori 8), Città di Castello (b.v. 3, errori 7, muri 11, errori 4)

 

Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *