PALLAVOLO: “Pur perdendo abbiamo disputato una buona gara” Alcherigi dopo la sconfitta con il Macerata

C’è l’amaro in bocca in casa GHERARDI CARTOEDIT SVI per la sconfitta contro la Marcegaglia Ravenna, patita al termine di un match in cui i ragazzi di Radici hanno fatto qualche errore di troppo nelle fasi decisive del match. Niente drammi e sotto col lavoro per la truppa biancorossa che preparerà con grande cura ed attenzione il derby di Perugia di domenica prossima. Il Ds tifernate, Mauro Alcherigi, commenta così la partita di ieri:”Pur non facendo una bellissima gara, abbiamo avuto le occasioni per non perderla ma abbiamo fatto qualche errore; del resto si vede che Ravenna è una squadra in una condizione ottimale mentre noi dobbiamo ancora crescere molto. Nonostante questo siamo stati in partita, castigati solo nel finale di set. Su questo, ovviamente, dovremo lavorare molto per gestore meglio le situazioni di fine frazione. Avrebbe fatto piacere vincere anche per i nostri tifosi: c’era un pubblico caldo e una bella atmosfera”. Il team manager della GHERARDI CARTOEDIT SVI, Valdemaro Gustinelli, sottolinea dapprima il grande lavoro dello staff medico:”Un applauso di cuore ad Alessio Botteghi, a Giacinta Milita e al Dott. Michele Palleri che si sono adoperati per rimettere in sesto alcuni giocatori che avevano avuto problemi in settimana. Questa non è, comunque, una scusante per la sconfitta perché Ravenna per due set è stata praticamente perfetta in tutti i fondamentali; noi, soprattutto nel primo set, abbiamo commesso tanti errori e in queste partite di alto livello gli errori si pagano. Nel terzo set avevamo in mano la possibilità di allungare il match ma non siamo riusciti ad affrontare la battuta in salto float di Corvetta poi qualche svista arbitrale nel finale ha premiato Ravenna. Complimenti a loro per come hanno giocato, meno per il comportamento tenuto in campo perché nessuno si può permettere di fare quello che hanno fatto alcuni giocatori dall’inizio alla fine in modo provocatorio. Castellano poteva risparmiarsi di andare ad applaudire ironicamente il pubblico a fine partita, causandone una reazione che va comunque stigmatizzata. Domenica ci sarà un’altra partita che saremo in grado di affrontare da ogni punto di vista. Sarà importante per noi anche l’aiuto del pubblico che ci segua in massa a Perugia”. Andrea Radici, a mente fredda, valuta così la gara:”Sul piano tecnico la gara è stata caratterizzata da un bel primo set, in cui abbiamo pagato a caro prezzo il passaggio a vuoto nella fase centrale. Nel secondo set abbiamo faticato di più, anche se è stata mantenuta una certa continuità, ma Ravenna è andata meritatamente sul 2-0. Il rammarico è per l’epilogo del terzo set in cui abbiamo combattuto ma non è servito”.

Share

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *